Browsing Category

Approfondimenti scientifici

ADDOLCISCI L'ESTATE COL ROSSO CILIEGIA
Approfondimenti scientifici, Super food 4 care

ADDOLCISCI L’ESTATE COL ROSSO CILIEGIA

L’ingordigia è uno  fra i peccati che inducono a mangiare una ciliegia dopo l’altra, fino all’immancabile mal di pancia che, in altri tempi era curato a suon di sberle, in quanto spesso frutto di ruberie infantili.

In letteratura spesso simbolo erotico:  “Vorrei fare con te quello che la primavera fa con i ciliegi”, scrive Pablo Neruda nel secolo scorso.

Le ciliegie appartengono alla famiglia delle Rosacee, la stessa delle rose, come albicocche, pesche e prugne.

Plinio il giovane ci racconta che il ciliegio era coltivato già in Gallia, ma l’origine è ancora più remota: son stati scoperti semi di ciliegio di origine preistorica e si pensa che i frutti siano giunti in Europa attraverso gli  uccelli che ne sono golosi.

Oggi ci son oltre 500 varietà di ciliegie coltivate!

Sono un frutto particolarmente prelibato disponibile solo un paio di mesi all’anno, da giugno a fine luglio circa; in agosto le loro caratteristiche nutrizionali son già piuttosto deteriorate.

Evitiamo di comprarle a Natale per far scena in tavola, è francamente ridicolo.

Sono molto sensibili al freddo, per cui non conservatele a lungo in frigo a basse temperature: meglio in un luogo fresco  e asciutto, in un sacchetto di carta e non di plastica.

Le ciliegie sono ricchissime di vitamine A, C, B1 e B2, proteine, zucchero, potassio, calcio, magnesio, ferro, fosforo, numerosi oligoelementi e acidi organici, che contribuiscono a ridurre l’acidità dell’organismo, soprattutto in soggetti anziani.

Hanno un prepotente effetto carrier del ferro, stimolano il fegato e danno una sferzata di energia.

La loro azione è sedativa, ma non depressiva, sul sistema nervoso, utili nei soggetti ipercinetici, come i bambini. Rigeneranti del tessuto nervoso, ne migliorano la funzione, senza aumentare l’eccitabilità.

Soprattutto nei bambini la cui alimentazione è scorretta e/o c’è un abuso di terapie farmacologiche, gli oligoelementi delle ciliegie (manganese-cobalto), sono utili per attivare efficienti meccanismi di drenaggio, favorendo così i processi di accrescimento di maturazione neurologica, immunologica e ormonale, riducendo il rischio documentato in aumento per la statistica, di disturbi del sistema nervoso e disordini ormonali in età adolescenziale e patologie allergiche.

La ciliegia ha un’azione antiurica, utile per chi è affetto da iperuricemia e gotta, un tipo di artrite associato a una elevata concentrazione di acido urico nel sangue. L’acido urico è prodotto nel fegato e se non correttamente espulso (o se è prodotto in eccesso), si formano cristalli aghiformi di monosodio urato che si accumulano nelle giunture, causando infiammazione e dolore.

Soli 220 grammi di ciliegie al dì sono efficaci nell’abbassare notevolmente l’acido urico.

L’azione di stimolo del transito intestinale è indotto dall’acidità del ferro delle ciliegie, che eccitano la funzionalità epatobiliare e irritano le mucose gastroenteriche.

Per la caratteristica nutrizionale piuttosto aggressiva è bene evitare giornate disintossicanti a sole ciliegie, come invece si fa con l’uva, in quanto non hanno marcato effetto diuretico come l’uva, ma possono dare iperglicemia se consumate ad alte dosi.

Consumate crude in quantità normale, intorno ai 150 grammi, invece abbassano la glicemia, perché il contenuto in levulosio e la loro acidità, fa aumentare il consumo di zuccheri da parte del fegato, riducendo il glucosio circolante, anche nei diabetici.

In effetti la ciliegia contiene solo 40 kcal per hg, è molto saziante e soddisfa la voglia di dolce.

L’ideale è consumarla fuori pasto, come spuntino, perché a digiuno esplica meglio la sua azione terapeutica. Ma potrebbe essere usata come carboidrato in un pasto a cui aggiungiamo verdure e proteine. E’ ottima  ridotta in salsa come accompagnamento del pollo arrosto o del roast beef.

 

 

Le ciliegie sono ricche di flavonoidi, in particolare antocianidine  e proantocianidine, che conferiscono il colore intenso rosso-blu. Più e scura, meglio è!

I ricercatori dell’Università Statale del Michingam hanno studiato le proprietà delle ciliegie che agiscono come inibitori delle COX-1  e COX-2, fattori infiammatori, funzionano in prativa come la maggior parte dei farmaci antinfiammatori, impedendo l’invio di messaggi di dolore. L’attività inibitoria del COX delle antocianidine delle ciliegie si è rivelata paragonabile a quella dell’ibuprofene e del naproxen.

Le amarene contengono quantità significative di melatonina, l’ormone prodotto dalla ghiandola pineale (sì, si dice così), potente antiossidante e regolatore ormonale, nonché dei cicli del sonno e le ciliegie ne contengono una quantità efficace per indurre il sonno.

L’isoquercetina e la quercetina sono efficaci nell’inibire la crescita del cancro del colon e di altri tipi di cancro, grazie alla presenza dell’alcol perillyl, un monoterpene a largo spettro, che ha azione documentata nella riduzione delle proteine che consentono al cancro di proliferare, utile per tumori anche avanzati a seno, prostata e ovaie.

Inoltre i flavonoidi, in sinergia con la vitamina A e C, attivano la formazione di collagene, elemento di sostegno e protezione della nostra pelle.

Mangiare ciliegie tutti i giorni prima dell’esposizione ai raggi solari ci protegge dall’effetto invecchiante dei radicali liberi!

Le ciliegie migliori son quelle grosse, almeno 2 cm di diametro, con buccia piena e lucida e il peduncolo di colore verde vivace. Laviamole con cura prima di consumarle perché sono un facile terreno per le muffe dell’Aspergillus, che produce aflatossine cancerogene.

Le ciliegie si conservano non lavate in frigorifero, non vanno ammassate perché alcune ciliegie guaste causano il deterioramento delle altre.

Se acquistate ciliegie non biologiche,  lavatele molto bene ammollandole in acqua e bicarbonato.

Le ciliegie macchiano! Anche gli altri alimenti.

Sono strepitose immerse nel cioccolato fondente fuso (almeno 85% cacao)  e fatte indurire in frigorifero col loro picciolo.

 

Ricchi di potassio, i peduncoli delle ciliegie hanno un effetto drenante e diuretico. Si possono bollire per 10 minuti (2 g per 100 ml di acqua) e si beve il decotto in quantità di 2-3 tazze al dì, lontano dai pasti.

Ottimo rimedio per cellulite e ritenzione idrica. È un buon disinfettante delle vie urinarie e cura le cistiti.

Noti pittori come Van Gogh, Manet, Renoir, Degas, Monet e Gauguin non sono riusciti a resistere al fascino dei Fiori di ciliegio e nel lungo elenco di adoratori, che comprende nomi anche di letterati e artisti in senso ampio, troviamo anche l’autore del testo teatrale classico della letteratura drammatica: ‘Il giardino dei ciliegi’. A scriverlo Anton Čechov nel 1903, parlando dei cambiamenti sociali nella sua Russia, lo stesso Checov che,da amante del giardinaggio quasi quanto della scrittura, aveva piantato proprio un giardino di ciliegi per goderne in prima persona e farsi ispirare dai fiori di ciliegio.

I fiori del ciliegio sono protagonisti di una leggenda popolare risalente al 1166.  

Nel Lazio, un ciliegio secco fiorisce miracolosamente, un evento che gli abitanti interpretano come un incoraggiamento all’azione e ne approfittano per cacciare Federico Barbarossa! 

 

olio di noce di cocco
Antiage e bellezza, Approfondimenti scientifici

OLIO DI NOCE DI COCCO UN GRANDE ALLEATO DELLA NOSTRA SALUTE

Del cocco non si butta nulla, tanto è prezioso!

Se ne ricava polpa, olio, latte e acqua.

Ciò che ne fa un alimento straordinario è però proprio l’olio, tanto demonizzato in questi decenni dall’informazione soprattutto di matrice USA. Delle altre componenti ve ne parlerò un’altra volta.

La più parte dei grassi della nostra dieta, che siano saturi o insaturi, sono acidi grassi a catena lunga, l’olio di cocco è composto invece da acidi grassi a catena media, che gli conferiscono straordinarie proprietà nutrizionali e curative.

E’ stato messo accuratamente al bando per svariate ragioni, alcune delle quali prettamente economiche costruite ad arte, ma principalmente per i pregiudizi e gli equivoci che riguardano i grassi saturi. Su pubmed ad oggi ci son circa 2000 studi riguardanti l’olio di cocco e 200 dei quali riguardano specificamente i benefici.

La lunghezza degli acidi grassi è un parametro importante perché il nostro organismo metabolizza gli acidi in modo differente in base alla grandezza. Gli acidi grassi a catena media sono più digeribili e più idrosolubili, non necessitano di enzimi pancreatici e bile per la loro digestione, per cui non gravano sui sistemi enzimatici dell’organismo. A differenza degli acidi grassi a catena lunga, che dopo i passaggi digestivi e intestinali vengono trasportati nel corpo e rilasciati in piccole particelle nel sangue, creando ostruzioni, gli acidi grassi  a catena media pur seguendo un percorso analogo, son già completamente scomposti quando lasciano lo stomaco e quando arrivano nel tratto intestinale vengono immediatamente assorbiti nella vena porta e inviati al fegato, dove vengono utilizzati come fonte di combustibile per produrre energia. 

Per questa ragione non ostruiscono le arterie, non producono placche arteriose né grasso corporeo: sono utilizzati per produrre energia!

L’olio di cocco migliora l’assimilazione delle altre sostanze nutritive, previene le carenze di vitamine del gruppo B (facilitandone l’assorbimento), migliora il metabolismo del calcio e la salute ossea. Anche il latte materno che è una buona fonte di acidi grassi a catena media, è più nutriente e offre maggior protezione antimicrobica dalle infezioni al neonato, se la madre consuma olio di cocco. Il latte materno aumenta in circa mezza giornata la percentuale di acido laurico e caprilico se si consumano 3 cucchiai di olio di cocco, potenziando la funzione protettiva del latte e migliorando la crescita e lo sviluppo del bambino, proteggendo dalle infezioni soprattutto nei primi mesi di vita, quando il sistema immunitario è in una delicata fase di sviluppo.

Data la caratteristica spiccata di fornire immediato nutrimento senza gravare sui sistemi enzimatici dell’organismo e poiché aumenta l’assorbimento delle sostanze nutritive contenute negli alimenti, è un alimento raccomandato nella terapia della malnutrizione.

Grazie all’utilizzo immediato da parte del fegato degli acidi grassi a catena corta, l’olio di cocco migliora il metabolismo, contribuisce a mantenerci vigili e ci offre una sferzata di energia pressochè immediata.

E’ un’azione sottile e durevole, non crea dipendenza o assuefazione (a differenza della caffeina).

Per gli sportivi può coadiuvare le prestazioni riducendo la stanchezza e l’affaticamento.

Nell’antica  visione medica cinese un fegato affaticato produce una serie di effetti corporei specifici, fra cui un rallentamento tiroideo. In realtà sappiamo che è proprio la tiroide a rallentare il metabolismo e quando il suo funzionamento si riduce, tutti i processi rallentano: digestione, guarigione e riparazione, risposta immunitaria, produzione di ormoni e degli enzimi, temperatura più bassa e così via. Tutto funziona più lentamente e iniziano a subentrare anche altri problemi di salute.

Se il malfunzionamento della tiroide non è legato ad altre patologie o a fattori genetici, l’olio di cocco può dare sollievo a diversi sintomi, sopratutto se si segue un’alimentazione adeguata a supportare il problema.

L’olio di cocco ha un effetto stimolante sulla tiroide, la rimette in moto a un livello di efficienza superiore, certo, come dicevo occorre riequilibrare la malnutrizione conclamata restrostante.

Lo stress sottostante a molte situazioni richiede un’impennata metabolica che non è sempre possibile  mettere in atto se non disponiamo di una quantità adeguata di vitamine e minerali, a causa di una malnutrizione subclinica; se questi non sono presenti il metabolismo cambia marcia e rallenta, dandoci la sensazione di vivere in un mondo al rallenty e ben ovattato.

Un’altra importante caratteristica dell’olio di cocco, insieme al fatto di non gravare su digestione e consumo di enzimi pancreatici, è che per il suo utilizzo non richiede nemmeno l’intervento dell’insulina, alleggerendo così il sistema anche in caso di patologie come il diabete o insufficienza pancreatica e non dimentichiamo l’importante impatto che gli eccessi insulinici hanno sui quadri endocrini con predominanza estrogenica.

L’azione antimicrobica aggiuntiva che esercita sul latte materno citato più sopra è valida anche per gli adulti, agisce su germi, parassiti e malattie infettive, aiutando a debellare batteri, funghi, virus e parassiti.

Negli ultimi quarant’anni la ricerca evidenzia che gli acidi grassi a catena corta dell’olio di cocco uccidono batteri che provocano infezioni del tratto urinario, polmonite, gonorrea, sono letali per lieviti e funghi che causano fastidiose malattie come piede d’atleta e candidosi.

L’acido laurico che è l’acido grasso più importante del cocco (ne costituisce il 50% dei grassi), nel corpo umano e animale si trasforma in monolaurico che è un monogliceride ad attività antivirale, antibatterica e antiprotozoica nel tratto digerente, utilizzato dall’organismo per distruggere i lipidi che rivestono i virus come HIV, herpes, citomegalovirus, e altri batteri patogeni come quello che causa l’ulcera (Helicobacter Pylori), i virus che provocano influenza, morbillo, mononucleosi ed epatite C, streptococchi emolitici.

La polpa e l’olio di cocco uccidono ed espellono parassiti come la tenia, i pidocchi e la giardia.

Si è dimostrato utile anche, grazie all’acido caprico, contro la clamidia e altri batteri a trasmissione sessuale.

Nessun rischio di assuefazione nell’utilizzo reiterato, non si sviluppa cioè resistenza come succede con gli antibiotici. Inoltre, a differenza di questi ultimi, l’olio di cocco lascia illeso il microbiota, ragion per cui anche le infezioni da candida di cui molti persone  sono afflitte in forma subclinica, non diventano infestanti.

Nelle malattie croniche intestinali (IBS, morbo di Chron e coliti ulcerose) l’olio di cocco offre giovamento agendo sulle cause a monte delle lesioni, spesso create da microorganismi che danno origine a infezioni croniche localizzate di basso grado e febbre.

A differenza di altri olii che perossidano in cottura, l’olio di cocco contiene grassi saturi molto stabili e altamente resistenti alla perossidazione, che ne impediscono l’irrancidimento con la loro azione antiossidante, limitando tutti i danni che ne derivano come l’alta produzione di radicali liberi altamente infiammatori.

In sintesi 40 anni di ricerche evidenziano i benefici succitati a patto di farne un uso sensato, in giusta combinazione e proporzione con gli altri acidi grassi, come sempre proponiamo con l’alimentazione Eubiotica.

Utilizzato a queste condizioni di equilibrio il rischio di aterogenicità è neutro. Anzi, la Chlamydia pneumoniae, è uno dei microorganismi sospettati di avere un ruolo importante nello sviluppo dell’aterosclerosi, attivando un processo infiammatorio che provocherebbe l’ossidazione delle lipoproteine con induzione di citochine e viene inattivata proprio dagli acidi laurico e monolaurico, così come caprico e monocaprico, presenti nel cocco.

La d.ssa Newport, medico USA, ne ha sperimentato l’efficacia sul marito affetto da Alzheimer, somministrando da 4 a 8 cucchiai al dì, sfruttandone l’effetto in combinazione con una dieta chetogenica, al fine di nutrire correttamente le cellule cerebrali in sofferenza che non riescono a utilizzare correttamente il glucosio nelle malattie neurodegenerative. Ha osservato benefici dimostrati dalla risonanza magnetica, con diversi effetti degni di nota su deambulazione e funzioni mnemoniche. Tuttavia non vi consiglierei mai il fai-da-te in situazioni così complesse come la malattia di Alzheimer, però è chiaro che si aprono nuovi scenari nella cura di malattie come AD, Parkinson e SLA.

L’azione dell’olio di cocco sul cancro è altrettanto interessante: interferisce nella replicazione cellulare, promuove un’azione antiossidante, protegge le cellule sane, inattiva molti fattori carcinogenetici come le aflatossine e altri contaminanti alimentari e cancerogeni.

La noce di cocco è considerata un alimento alcalinizzante e ha un potente effetto anticarie  se utilizzata nell’’oil pulling antica pratica che consigliamo anche nel metodo Kousmine e nel gruppo.

Infine, l’olio di cocco è parte della formula del Monoi di Tahiti, un olio profumatissimo che mantiene la pelle setosa e giovane. Ma anche utilizzato da solo o con le giuste essenze è in grado di proteggere dalle scottature solari non interferendo minimamente con la formazione della vitamina D, ha un effetto antiaging spiccato e nutriente,  ed è anche un ottimo veicolante per la preparazione di un oleolito miracoloso sulla circolazione linfatica con le essenze di arancio, cipresso e limone. Viene anche  utilizzato in malattie come la SLA, sugli arti colpiti, con risultati molto interessanti.

La condizione FONDAMENTALE affinchè possiamo ricavarne tutti questi benefici è l’utilizzo di olio di cocco o crema di cocco di origine certificata biologica, extravergine e spremuto a freddo. E’ davvero molto importante che non subisca alcun trattamento che ne alteri le preziose proprietà.  

Simbolicamente raffigura il nutrimento femminile e materno, sia per il latte, sia per la sua capacità di prendersi così ampia cura degli esseri viventi, ve ne consiglio caldamente un uso quotidiano!

 

 

 

Alimentazione e salute, Approfondimenti scientifici

SEMI DI LINO, SEMI DI VITA!

I semi di lino hanno una storia antica che risale all’antico Egitto.

Carlo Magno costringeva i suoi sudditi a consumarli per via dei loro effetti benefici sulla salute.

Magari fosse così anche oggi!!!

Ci ammaleremmo molto, molto meno.

I semi di lino sono la miglior fonte disponibile di composti antitumorali e fitoestrogenici chiamati lignanti, con una concentrazione che è oltre cento volte superiore a quella di altri alimenti  (cereali, frutta e verdura). I lignanti sono sostanze vegetali che hanno un potente effetto anti-tumorale.

Ci sono semi dorati e semi marroni, entrambi vanno bene.

I semi di lino sono la principale fonte vegetale di omega 3, insieme ai semi di chia. Due cucchiai di lino forniscono il 140% del bisogno giornaliero.

Sono ricchi di acido linolenico (ALA), che si trasforma in EPA e DHA, due omega tre fondamentali nella lotta contro il cancro e le malattie cardiovascolari. Essi infatti contribuiscono a ridurre l’aterosclerosi, aumentando il colesterolo HDL e abbassando il colesterolo LDL.

Una carenza di questi acidi dà come esito affaticamento, pelle secca, unghie e capelli fragili, costipazione, cattivo funzionamento del sistema immunitario, giunture dolenti, depressione, artrite e squilibri ormonali.

Perché la trasformazione avvenga dobbiamo assumere solo piccole quantità di omega 6 con la dieta, perché gli enzimi che producono omega 3 e 6 sono gli stessi e entrambi gli acidi se li contendono.Gli omega 6 in squilibrio generano infiammazione, mentre gli omega 3 sono antinfiammatori.   Moltissimi studi hanno dimostrato che i lignanti dei semi di lino hanno un ruolo importante nella prevenzione e nel trattamento dei tumori alla mammella, prostata (e anche del colon), per la loro capacità di modulare la produzione, la disponibilità e l’azione degli ormoni.

Inoltre i semi di lino macinati sono ottime fonti di fitormoni. I lignanti sono infatti potenti fitoestrogeni con effetti simili a quelli degli isoflavoni della soia. Sono anche buoni antiossidanti con proprietà antivirali e antibatteriche; prevengono i danni derivati dall’azione dei radicali liberi ai tessuti, danni a livello cellulare associati a invecchiamento e malattie.  

Sono un’ottima fonte di fibre solubili e insolubili (il contenuto di fibre di 45 g di semi di lino è di 11.7 grammi)  e riducono problemi di costipazione, se consumati con molto liquido. Formano inoltre una  mucillagine che può ridurre significativamente anche il rischio di diabete.

I semi di lino contengono  fitoestrogeni  in quantità superiori a quelli della soia –quindi evitano i disastrosi effetto degli eccessi di estrogeni sulla salute- e lignani, molto importanti per la prevenzioni dei tumori ormonodipendenti, poiché impediscono l’unione fra gli estrogeni e le cellule mammarie e testicolari. I lignani sono inoltre antiossidanti e antiangiogenici.

Chi soffre di cancro alla prostata e assume 30 grammi al dì di semi di lino, può frenare la crescita del tumore del 30-40% e ridurre la massa tumorale e i livelli di PSA.

Nelle donne in premenopausa i livelli di estrogeni sono particolarmente alti (soprattutto se utilizzano cosmetici contenenti  xeno estrogeni  (parabeni e altri interferenti endocrini) e cibi a contatto con plastiche che contengono il bisfenolo A, quindi aumenta il rischio di sviluppare il carcinoma mammario.

Il consumo regolare di semi di lino previene la comparsa del cancro al seno grazie all’effetto regolatore dei livelli ormonali sia in premenopausa che in post menopausa.

A livello sperimentale, l’assunzione quotidiana di 25 grammi di semi di lino, ha gli stessi effetti del trattamento con tamoxifene, senza i pesanti effetti collaterali (k dell’endometrio e trombo embolia).

L’introduzione del lino nella dieta previene il cancro al seno e la comparsa di metastasi nel caso di avvenuta diagnosi del tumore, così come favorisce la riduzione della massa tumorale.

Mentre gli integratori con isoflavoni di soia in dosi elevate possono favorire la crescita dei tumori alla mammella, i lignani, essendo fitoestrogeni, ne fermano la crescita.

Riducono  anche la gravità del tumore ovarico e aumentano sensibilmente la sopravvivenza delle donne malate. 

Le donne che consumano i semi di lino regolarmente hanno una mortalità minore del 42% per cancro alla mammella e uno straordinario abbassamento del 40% della mortalità per tutte le cause.

L’olio di lino contiene meno lignani e meno fibre, quindi è meno efficace, ma è consigliato per chi ha disturbi digestivi. L’olio è sconsigliato in generale, fatto salvo i casi citati, perchè irrancidisce velocemente e ossida con  luce e calore. 

Se al contrario si soffre di stitichezza i semi di lino hanno un effetto lassativo incredibile e un’azione molte veloce.

Consiglierei di non superare i 25 grammi al dì, circa due cucchiai, per evitare l’accumulo di cadmio.

Da aggiungere a insalate, creme di verdure, zuppe, frullati, latte vegetale.

Personalmente li gradisco tritati insieme a un po’ di sesamo nero sulle verdure.

La sola precauzione: MACINARLI.

Tassativamente al momento.

Gli omega 3 si degradano velocemente. 

I semi vanno mangiati crudi, caso mai aggiunti alle zuppe proprio alla fine, quando la pietanza è tiepida.

Ma se decidiamo di usarli da cotti, ad esempio mescolandoli agli impasti in pane o pizza, sappiate che anche dopo essere passati in forno, purchè li abbiate lasciati interi, ne escono “illesi” ed ancora carichi di Omega3 validi. Dovrete solo darvi da fare a masticarli, perchè altrimenti passeranno sani nel vostro intestino. Comunque, come sempre, vi sconsiglio caldamente tutti i cibi a base di farine.
Il test è stato effettuato cuocendoli all’interno di alcune focaccine ad una temperatura di 350°F (circa 177° centigradi) ed il contenuto di ALA non è stato ridotto.
I semi sono stati anche esposti ad un livello di calore di 660°F (circa 349°C) senza apparentemente danneggiare il loro contenuto di ALA.
In uno studio, il consumo di focaccine SDG-arricchite di semi di lino è stato trovato per migliorare la produzione di lignani nelle donne, riflettendo la loro stabilità e la biodisponibilità.
In un altro studio, le donne hanno mangiato semi di lino crudi quotidianamente per quattro settimane ed al termine avevano profili degli acidi grassi plasmatici simili a quelli che hanno mangiato semi di lino cotti nel pane.
Entrambi i gruppi di donne hanno mostrato una riduzione del colesterolo totale e colesterolo “cattivo” LDL.

(http://whfoods.org/genpage.php?tname=dailytip&dbid=18)

La limitazione dei semi è questa: dopo i 50 anni la capacità dell’organismo di trasformare l’ALA in EPA e DHA diminuisce, per cui un consumo esagerato di ALA, soprattutto sotto forma di integratori, può causare un eccesso di questo acido e un aumento del rischio di sviluppare tumori ormonali, secondo alcuni studi. 20 grammi al giorno sono comunque una quantità sicura.

Un altro salubre utilizzo dei semi di lino è il decotto, che si prepara così: portare a ebollizione un litro di acqua. Quando bolle aggiungere 40 grammi di semi di lino e far sobbollire  a fiamma dolce, per 4 minuti. Spegnere. Colare immediatamente e lavare colino e pentola, altrimenti appiccica tutto in modo irreversibile. 

Fare intiepidire e bere 2/3 tazze al dì. Si conserva in frigorifero per 24 ore.

Questo decotto aiuta l’intestino a ripulirsi, mantiene i villi vitali e puliti, elimina anche i vecchi fecalomi.

Può essere utilizzato nella sacca del clistere, avendo un grande potere emolliente, anche addizionato ad altri medicamenti come tisane di camomilla, calendula, bardana ecc.

Può esser preparato a freddo, mettendo i semi a mollo la sera prima e utilizzando la gelatina il giorno dopo. E’ efficace nel lenire la mucosa intestinale irritata. (RCU, Chron, diverticolite ecc.).

I semi di lino sono un alimento prezioso per la salute.

Sono dotati di un guscio naturale duro che li mantiene freschi per un massimo di un anno in un contenitore ermetico. Possono essere assunti al mattino in un frullato di frutta. I semi di lino sono una soluzione migliore dell’olio di semi di lino. I semi costano poco e soprattutto perdiamo parte delle proprietà nutrizionali con l’olio. Infatti i semi non sono solo la fonte più ricca di lignani, sono una buona fonte di ferro, zinco, rame, calcio, proteine, potassio, magnesio, acido folico, fibra solubile che può abbassare il nostro colesterolo e trigliceridi, e anche di boro un minerale traccia importante per la salute ottimale delle ossa.
I semi di lino sono incredibilmente potenti a smorzare gli effetti degli estrogeni. Mangiare un solo cucchiaio di semi di lino al giorno estende la durata del ciclo mestruale di una donna, non le mestruazioni in sé, ma l’intero ciclo lungo il mese, il che significa meno esposizione agli estrogeni e un minor rischio di cancro al seno.

E’ noto da molto tempo che le giovani donne che hanno infezioni della vescica presentano un aumento del rischio di cancro al seno. Le infezioni della vescica frequenti sono legate al tumore al seno? Lo si è ipotizzato, ma oggi si ipotizza piuttosto che i trattamenti antibiotici ripetuti per le infezioni della vescica spazzino via tutti i batteri buoni che prendono i lignani dalla nostra dieta e li trasformano in questi potenti composti anti-cancro .

I semi di lino sono stati recentemente confrontati con un trattamento farmacologico leader per l’ingrossamento della prostata.
Da questo studio è emerso che funzionano bene come il farmaco, ma il farmaco può causare mal di testa, vertigini, diarrea etc Anche i semi di lino hanno alcuni effetti collaterali però, migliorano la glicemia ed il colesterolo, la pressione sanguigna e aiutano a controllare le vampate di calore, che, tuttavia, non è di solito un problema in chi soffre di ingrossamento della prostata.

SEMI DI LINO E SOPRAVVIVENZA IN CASO DI CANCRO AL SENO: EVIDENZE EPIDEMIOLOGICHE:

La classe di fitonutrienti noti come lignani può essere pensata come l’equivalente occidentale dei fitoestrogeni isoflavoni presenti negli alimenti a base di soia delle diete tradizionali asiatiche, in quanto condividono molti presunti meccanismi antitumorali. Dal momento che il consumo di soia è associato sia alla prevenzione sia ad una maggiore sopravvivenza nel cancro al seno, ci si potrebbe aspettare di trovare lo stesso per lignani.
Tre studi hanno seguito migliaia di donne con diagnosi di cancro al seno. Il primo proviene New York, e mostra una sostanziale riduzione dei rischi di mortalità generale e mortalità per cancro al seno. Va però precisato che l’assunzione superiore di lignani potrebbe essere solo un indicatore di una dieta ricca di alimenti vegetali, pertanto specifiche combinazioni di cibi particolarmente ricchi di lignani possono essere necessari per produrre effetti di riduzione della mortalità. Un 2° studio proviene dall’ Italia: entro 5 anni dalla rimozione chirurgica del cancro al seno, le donne che avevano livelli più bassi di lignani circolanti avevano significativamente più probabilità di morire per recidiva rispetto a alle donne con più lignani nel loro sangue . I ricercatori hanno concluso che i lignani potrebbero svolgere un ruolo importante nella riduzione della mortalità per tutte le cause e della mortalità cancro-specifica delle pazienti operate per cancro al seno. Il 3° studio proviene dalla Germania, il più recente e più grande studio fino ad oggi, le pazienti in post-menopausa con il cancro al seno che hanno livelli sierici di enterolattone alto possono avere una migliore sopravvivenza. La curva di sopravvivenza nel grafico è significativa più alto è il livello migliore è la sopravvivenza. Le donne che hanno avuto più lignani nel loro sangue hanno vissuto più a lungo e tendenzialmente con un maggiore periodo libero da malattia.

SEMI DI LINO E SOPRAVVIVENZA IN CASO DI CANCRO AL SENO: EVIDENZA CLINICA

I dati sulla popolazione sembravano così promettenti che i ricercatori hanno deciso di mettere alla prova i lignani alimentando le donne con semi di lino, la fonte più concentrata di lignani, per vedere cosa sarebbe successo.

Uno dei modi in cui il farmaco Tamoxifene funziona è aumentando i livelli di inibitori dell’ angiogenesi come l’ endostatina, che è una proteina che il corpo produce per cercare di inibire l’ apporto di sangue al tumore.

Usando una tecnica chiamata microdialisi, si può attaccare un catetere nel seno di una donna e se si dà alle donne tamoxifene per 6 settimane, i livelli di endostatina all’interno del seno tendono a salire, e la stessa cosa accade quando si aggiunge invece 3 cucchiai e mezzo di semi di lino alla loro dieta quotidiana. Il lino non sembrava potente come la chemio, ma un ulteriore studio era sicuramente giustificata: un doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo.

Le donne assegnate al gruppo con i semi di lino hanno visto, in media, calare la proliferazione delle cellule tumorali,un aumento della morte delle cellule tumorali, e scendere il loro punteggio  c-erbB2 che è un marker di aggressività del cancro e del potenziale di formazione di metastasi e diffusione.

I ricercatori hanno concluso che i semi di lino hanno il potenziale di ridurre la crescita tumorale nei pazienti con cancro al seno e questo solo in cinque settimane. Se l’indice terapeutico visto in questo studio a breve termine può essere sostenuto in un periodo a lungo termine, i semi di lino, pussono essere una potenziale alternativa alimentare o essere usati in aggiunta ai farmaci contro il cancro al seno.

Dulcis in fundo: di lino eran fatte le vesti sacerdotali di uomini e donne, un pezzo intero, da unica filatura: prezioso e segno della regalità divina che è insita in noi.

Lasciamo che, simbolicamente, la nostra regalità attiri a noi tutto ciò che ci serve per stare in salute.

 

McCann SE, Kulkarni S, Trevisan M, Vito D, Nie J, Edge SB, Muti P, Freudenheim JL. Dietary lignan intakes and risk of breast cancer by tumor estrogen receptor status. Breast Cancer Res Treat. 2006 Oct;99(3):309-11. Epub 2006 Mar 16.

W. Zhang, X. Wang, Y. Liu, H. Tian, B. Flickinger, M. W. Empie, and S. Z. Sun. Effects of dietary flaxseed lignan extract on symptoms of benign prostatic hyperplasia. J Med Food, 11(2):207-214, 2008.

W. Zhang, X. Wang, Y. Liu, H. Tian, B. Flickinger, M. W. Empie, and S. Z. Sun. Dietary flaxseed lignan extract lowers plasma cholesterol and glucose concentrations in hypercholesterolaemic subjects. Br. J. Nutr., 99(6):1301-1309, 2008.

G. K. Paschos, F. Magkos, D. B. Panagiotakos, V. Votteas, and A. Zampelas. Dietary supplementation with flaxseed oil lowers blood pressure in dyslipidaemic patients. Eur J Clin Nutr, 61(10):1201-1206, 2007.

Pruthi S, Thompson SL, Novotny PJ, Barton DL, Kottschade LA, Tan AD, Sloan JA, Loprinzi CL. Pilot evaluation of flaxseed for the management of hot flashes. J Soc Integr Oncol. 2007 Summer;5(3):106-12.
L. U. Thompson, J. M. Chen, T. Li, K. Strasser-Weippl, P. E. Goss. Dietary flaxseed alters tumor biological markers in postmenopausal breast cancer. Clin. Cancer Res. 2005 11(10):3828 – 3835

L. S. Velentzis, J. V. Woodside, M. M. Cantwell, A. J. Leathem, M. R. Keshtgar. Do phytoestrogens reduce the risk of breast cancer and breast cancer recurrence? What clinicians need to know. Eur. J. Cancer 2008 44(13):1799 – 1806

S. E. McCann, L. U. Thompson, J. Nie, J. Dorn, M. Trevisan, P. G. Shields, C. B. Ambrosone, S. B. Edge, H.-F. Li, C. Kasprzak, J. L. Freudenheim. Dietary lignan intakes in relation to survival among women with breast cancer: The Western New York Exposures and Breast Cancer (WEB) Study. Breast Cancer Res. Treat. 2010 122(1):229 – 235

P. Guglielmini, A. Rubagotti, F. Boccardo. Serum enterolactone levels and mortality outcome in women with early breast cancer: A retrospective cohort study. Breast Cancer Res. Treat. 2012 132(2):661 – 668

K. Buck, A. K. Zaineddin, A. Vrieling, J. Linseisen, J. Chang-Claude. Meta-analyses of lignans and enterolignans in relation to breast cancer risk. Am. J. Clin. Nutr. 2010 92(1):141 – 153

S. Abarzua, T. Serikawa, M. Szewczyk, D.-U. Richter, B. Piechulla, V. Briese. Antiproliferative activity of lignans against the breast carcinoma cell lines MCF 7 and BT 20. Arch. Gynecol. Obstet. 2012 285(4):1145 – 1151

K. Buck, A. Vrieling, A. K. Zaineddin, S. Becker, A. Hüsing, R. Kaaks, J. Linseisen, D. Flesch-Janys, J. Chang-Claude. Serum enterolactone and prognosis of postmenopausal breast cancer. J. Clin. Oncol. 2011 29(28):3730 – 3738

U. W. N. AAberg, N. Saarinen, A. Abrahamsson, T. Nurmi, S. Engblom, C. Dabrosin. Tamoxifen and flaxseed alter angiogenesis regulators in normal human breast tissue in vivo. PLoS ONE 2011 6(9):e25720

C. J. Fabian, B. F. Kimler, C. M. Zalles, J. R. Klemp, B. K. Petroff, Q. J. Khan, P. Sharma, K. D. R. Setchell, X. Zhao, T. A. Phillips, T. Metheny, J. R. Hughes, H.-W. Yeh, K. A. Johnson. Reduction in Ki-67 in benign breast tissue of high-risk women with the lignan secoisolariciresinol diglycoside. Cancer Prev Res (Phila) 2010 3(10):1342 – 1350

R. E. Patterson. Flaxseed and breast cancer: What should we tell our patients? J. Clin. Oncol. 2011 29(28):3723 – 3724

SOSTENERE I SURRENI IN OGNI STAGIONE PER UN BENESSERE TOTALE
Approfondimenti scientifici

SOSTENERE I SURRENI IN OGNI STAGIONE PER UN BENESSERE TOTALE

La stanchezza surrenalica  mi affligge personalmente a causa di una malattia genetica, per questo mi affanno tanto a studiarla e ad oggi, stiamo elaborando come team eubiotico, un progetto per poter proporre anche a voi soluzioni di problemi specifici, come questo ed altri ignorati.

Chi soffre di stanchezza surrenale si alza stanco, per non dire spossato, non può mettersi in movimento se non beve un paio di caffè, privo di energia e di motivazione e facilmente perde la concentrazione e l’energia sessuale.

Di notte, anche se si è esausti, non si riesce a prendere sonno perché i pensieri che ci hanno infatistidito di giorno, ci tengono svegli.

Il malfunzionamento dei surreni è anche associato a pensieri confusi, ipoglicemia, infezioni ricorrenti, calo di memoria, mal di testa e desiderio di dolci.

All’origine c’è una reazione eccessivamente prolungata allo stress, che può essere di varia natura, oppure, come nel mio caso, un deficit enzimatico.

Molte forme di ipotiroidismo celano una stanchezza surrenale che, se non curata, non consente in alcun modo la ripresa di una tiroide malata.

Viceversa, molte forme di stress surrenalico vengono scambiate per ipotiroidismo o esaurimento nervoso, per cui si prescrivono psicofarmaci inutili, visto che la causa non è la psiche, che sembrano calmare i sintomi, ma senza risoluzione, anzi peggiorando nel tempo le cose, come tutto ciò che sicotizza, cioè il correre sempre ovunque, il doping efficientista che ci coprirà la vera ragione dei nostri problemi e che induce nell’organismo la tendenza a presentare malattie a decorso prolungato-cronico e scarsamente rispondenti alle terapie praticate.

Lo stress ci fa produrre adrenalina (e noradrenalina), che determina i cambiamenti fisiologici necessari a sostenere a reazione di lotta o fuga. L’adrenalina è un potentissimo ormone che potrebbe danneggiare le nostre cellule, per mitigarne il rischio il corpo secerne cortisolo ad oltranza, fino ad arrivare, in taluni casi, a un vero e proprio esaurimento surrenalico. Ma nel frattempo, la maggior parte delle persone produce una dose così esagerata di cortisolo e adrenalina da creare un’infinità di problematiche di salute: malattie cardiovascolari, osteoporosi, problemi intestinali, obesità, cancro, ansia e depressione.

Nel breve periodo il cortisolo contribuisce a rilasciare maggior energia, ecco perché certe persone, nei periodi di forte stress, sembrano dare il meglio di sé.

Sappiamo tutti che poi …. CROLLANO!

E meno male, altrimenti non avremmo modo di ricaricarci.

Il problema serio è che senza i nutrienti specifici e necessari, non ci ricarichiamo affatto.

Se cerchiamo cibi zuccherati o caffè, abbiamo solo un apparente ricarica che poi scompensa ulteriormente il sistema ormonale, fino a varcare la soglia dell’irreversibile ed è una soglia davvero molto vicina per molti di noi.

Oltre il 40% degli adulti avverte gli effetti collaterali dello stress, fattore a cui sono in vari modi collegati fra l’80 il 90% delle visite mediche.

Lo stress è il più potente immunosoppressore del nuovo millennio e innalza il rischio di tutte le malattie soprattutto nelle fasce di popolazione più deboli, oppresse da fattori emozionali importanti.

Non abbiamo bisogno di riscontri ematochimici specifici, grazie a sintomi ben precisi è possibile sapere se le nostre ghiandole surrenali sono esaurite anche se tutti gli esami medici sono normali.

Stiamo improntando un piano per un rapido recupero surrenale che comprenda un’alimentazione adeguata, integrazione ad hoc e interventi sulla psiche che sono davvero la principale forma di soluzione per questo problema. 

E’ molto importante consultare un medico o un naturopata che sappia come trattare in modo naturale, ma completo e competente lo stress surrenalico.

Altre cause di stanchezza surrenalica possono essere alimentazione apparentemente sana, ma fortemente squilibrata perché carente di B12 e DHA. Le diete a base vegetale, a volte anche ben bilanciate, possono essere a rischio di stanchezza surrenale in persone già carenti di certi nutrienti, perché anche se ne assumessero a sufficienza (col DHA la vedo durissima però), potrebbero avere carenze pregresse difficili da sanare.

Così una dieta carente di vitamine del gruppo B, può dare una grande stanchezza e queste vitamine sono fondamentali per molti metabolismi. Assumerle da integratori non solo non è la stessa cosa, ma ci sono fior di integratori che se buttaste nella fognatura comunale rovinerebbero pure le tubazioni.

Un altro problema ignorato anche per chi seguisse una dieta sana e ben equilibrata è il malassorbimento dei nutrienti.

Sapete che se non masticate bene, non assorbite bene?

Per cui è importantissimo avere una dentizione sana, curata e molto efficace. E possibilmente NOSTRA. I nostri denti svolgono funzioni molto differenti da denti impiantati, anche a livello psico emozionale. La d.ssa Maria Antonietta Cambrea ci spiega che un boccone dovrebbe subire circa 30 atti masticatori alternati, cioè il cibo introdotto in bocca deve essere triturato e passato da una parte all’altra della bocca per fare lavorare entrambi i lati del nostro corpo; che i denti naturali rispetto ai denti artificiali, proprio perché contengono dei “sensori” di pressione, trasmettono impulsi ai due emisferi cerebrali rendendoli attivi: masticare da entrambi i lati in maniera bilanciata permette infatti, un’attività antinvecchiamento cerebrale, se invece masticheremo da un solo lato perché dall’altro ci mancano dei denti o ci fanno male, un emisfero verrà trascurato, inoltre la perdita dell’altezza dei denti, detta “Dimensione Verticale”, è strettamente connessa a fenomeni di perdita di memoria, morbo di Parkinson ed Alzheimer, nonché a ripercussioni di tutte le fasce muscolari discendenti e quindi postura!

Se gli enzimi digestivi sono carenti, non abbiamo una buona assunzione di nutrienti e se l’assorbimento è limitato non abbiamo i cofattori per produrre energia nelle cellule.

Infine, potremmo mangiar bene, assorbire bene e aver bisogno lo stesso di integrazione adeguata!

Ci sono anche molte condizioni fisiche ignorate (positività a certi virus, ad esempio, ma non solo) e assunzione di farmaci molto comuni che contribuiscono a dare molta stanchezza, per molto tempo.

E’ infatti un’esposizione costante a sostanze tossiche e con le 50.000 introdotte nel nostro ambiente dagli anni ’50 del secolo scorso ad oggi, fanno en plein di deterioramento del nostro sistema nervoso e ormonale.

Nella mia esperienza questi fattori sono importanti, concorrono insieme al problema, ma restano a fare la parte del leone le preoccupazioni, le arrabbiature, la collera repressa, i sensi di colpa, le ansie per il futuro e le paure per ciò che ci circonda.

Anche esercizio fisico in eccesso, i super lavori di tutti i tipi, gli interventi chirurgici e i traumi e le ferite da essi derivanti, le allergie croniche o gravi, il dolore e le malattie croniche, le situazioni climatiche estreme, la tendenza a dormire poco, i fattori di stress inevitabili come separazioni e lutti, perdita del lavoro o fare un lavoro che non ci piace contribuiscono in modo molto importante all’instaurarsi di questa situazione.

Per queste ragioni credo fermamente che l’approccio generale all’esistenza rimanga la modalità più duratura per sostenere i surreni, soprattutto per noi donne, che in menopausa tendiamo a ignorare questo ed altri problemi, considerandoli normali o viceversa, a correre da uno specialista all’altro per trovare confusione.

Questo sgallettare non ci aiuterà affatto.

Alla fine il corpo produrrà svariati sintomi per attirare l’attenzione sul problema vero; come un cavallo a cui chiediamo di correre senza dargli acqua e cibo, a un certo punto si fermerà e si rifiuterà di compiere anche un solo altro passo, sebbene frustato!

Gli studi dimostrano che imparando a “pensare” col cuore è possibile potenziare la naturale produzione di ormoni.  Stiamo improntando, con la nostra équipe, un programma di gestione dello stress basato su tecniche e lavori dell’Institute of HeartMath in California, per gestire lo stress, le paure, la colpa, l’ansia e la collera.

In generale, spingersi al di là dei propri limiti, in ogni aspetto della vita, indebolisce ancor  di più le surrenali, come sempre sosteniamo, il prenderci gran cura di noi significa anche imparare come farlo e noi siamo qui apposta.

Quando il cortisolo è carente, compaiono i sintomi classici dello stress è utile ricorrere alle piante adattogene.

E’ stato provato in numerosi esperimenti che il valore soglia dello stress non è fisso, ma può essere alzato se si aumenta l’efficacia della reazione di adattamento, attraverso specifici esercizi che ci allenano a uno stimolo negativo.

Le piante adattogene possono sostituire questi lunghi esercizi atti a neutralizzare lo stress.

La loro assunzione ritarda lo stadio di esaurimento, per cui possono essere usate sia nella stanchezza acuta che cronica, anche da iposurrenalismo.

ELEUTEROCOCCO

Incrementa le energie fisiche psicologiche che permettono all’organismo di gestire lo stress, riducendo l’ansia, l’indebolimento immunitario e gli scompensi metabolici (sbalzi glicemici), fattore da non trascurare affatto, soprattutto oggi che è così facile eccedere con carboidrati e proteine! (Tutto ciò si trasforma in zucchero, sì).

L’eleuterococco agisce sull’asse ipotalamo-ipofisi-surreni, riducendo la fatica.

Un ottimo prodotto è LABOR VILLA STODDARD nr 45, ma ce ne sono tanti altri, alcuni di ottima qualità sul mercato.

 LA WITHANIA

Aumenta  l’apprendimento e la capacità mnemonica, oltre che avere una potente azione antiossidante. Contiene sostanze steroidee con attività simili al cortisolo. Auementa l’attività dei recettori per l’acetilcolina, un neurotrasmettitore carente nelle sindromi demenziali e ottimizza la memoria, in tutti.

Molto indicata in caso di insonnia, ansia, fobie, crampi e algie muscolari. Contrasta inoltre l’impotenza  e l’eiaculazione precoce.

LA LIQUIRIZIA

Nelle carenze lievi di cortisolo, è ottima e anche nei periodi di forte stress.

La glicirrizina rallenta l’attività degli enzimi che degradano il cortisolo, lasciandolo più a lungo in circolo consentendogli di sedare le infiammazioni.

Nelle affezioni del tratto digerente è lenitiva, dallo stomaco all’intestino spastico. Aumenta la secrezione della bile e diminuisce il colesterolo.

Usatela tranquillamente a cicli, per brevi periodi, quando avete necessità di un sostegno, anche in tisana. Servono ben 50 grammi di liquirizia al giorno, per almeno 2/4 settimane, per avere un effetto ipertensivo. Assumendo i normali preparati che contengono dai 300 ai 500 mg di estratto, non si corre alcun rischio!

Anche due uova al giorno levano il medico di torno
Approfondimenti scientifici

Anche due uova al giorno levano il medico di torno

E’ molto difficile parlare di nutrizione, perché son oramai tutti esperti.

A questo si sono aggiunte vere e proprie ideologie alimentari che aggravano la confusione già presente in molte persone che non conoscono la materia e sovente si affidano ai media per capirci qualcosa.

L’essere umano  è onnivoro.

Da qui si parte e qui si arriva, inevitabilmente.

Altrimenti ci si ammala.

Essere onnivori significa aver acquisito una capacità di adattamento enorme che si traduce in un vantaggio esclusivo sul piano evolutivo.

Scelte drastiche  e settarie portano a conseguenza drammatiche sul piano della salute fisica e mentale, in men che non si dica.

E’ solo questione di tempo.

Tutti i nutrienti hanno effetti sul nostro organismo.

Ma proprio tutti.

In particolare hanno un effetto sui geni e sulla formazione di proteine cellulari e quindi sul metabolismo.

Esistono numerosissimi studi sull’alimentazione e spesso servono solamente come campo di battaglia per chi vuol prendersi la briga, anche quando di mestiere fa ben altro, di dire agli altri cosa è bene mangiare e cosa non si deve;  dato che è molto difficile estrapolarne relazioni causa effetto spesso queste teorie sono utilizzate a tornaconto di teorie personali poco credibili.

Purtroppo osservare cosa accade al nostro organismo quando seguiamo un certo tipo di alimentazione non è semplice, perché per alcuni tipi di alimentazione gli effetti profondi si vedono solamente a danno compiuto, mentre prima si percepiscono dei gran benefici.

Sostenere che l’essere umano è fatto per assumere solo alimenti vegetali o certe categorie di questi vegetali, ad esempio la frutta, è molto nobile e si può anche credere che contribuisca a salvare il mondo, migliorando la propria salute, ma è poco realistico sul piano biologico.

In realtà l’agricoltura è stato l’intervento più devastante che l’uomo abbia fatto sul pianeta perché è capace di distruggere interi ecosistemi.

Iniziando un’alimentazione fatta di soli vegetali, ci si sente molto bene, anche per diversi anni, perché si depura l’organismo, si sciolgono le scorie antiche, a volte scompaiono problemi di salute causati dall’assunzione di cibi oltremodo dannosi (insaccati o latticini o cereali raffinati), si perde peso e ci si sente davvero imbattibili.

Infatti anche nel metodo Kousmine si inizia con un digiuno per settare un nuovo stile di vita corretto. Molte situazioni dolorose scompaiono in pochi giorni (certo non si usano più gli organi digestivi e gli emuntori eliminano tutte le tossine).

Poi, dopo un tempo variabile a seconda del grado di intossicazione iniziale, si inizia a perdere gradualmente muscolo, sostituendolo con il grasso. Si pesa uguale magari, ma i vestiti stringono. Ci  si sente stanchi o depressi o ansiosi (situazioni molto difficili quando si mangia correttamente, soprattutto il pool lipidico corretto evita ansia e depressione), non si assumono più quantità sufficienti di proteine, si associano male i cibi e appaiono, all’improvviso o gradualmente, i danni e i limiti della tribù alimentare che si è scelta.

A quel punto può esser molto difficile riparare ciò che a volte si è già trasformato in una malattia anche grave.

Credo che il massimo rispetto per la natura si debba manifestare accettando le sue regole:  in natura dalla morte nasce la vita, dal chicco in poi, e noi umani, per nutrirci, ci piaccia o meno, siamo costretti a far parte di questo meccanismo pre esistente la nostra comparsa sul pianeta.

C’è un legame stretto fra il mondo vegetale, erbivori e predatori, al quale l’uomo si può solamente in parte sottrarre, ma del quale non può cambiare la struttura di fondo. Nemmeno volendo.

Farsi una certa idea idilliaca della natura non significa affatto poter mutare le proprie esigenze biologiche.

Una dieta totalmente priva di proteine animali e senza una quantità adeguata di grassi di una certa specifica tipologia non fornisce al corpo tutti i nutrienti sufficienti e necessari per riparare i danni, ricostruire i tessuti e rigenerare le normali componenti organiche, che si accumulano per anni, a volte decenni, per poi sfociare in processi metabolici alterati e malattie gravi.

Mangiare molte verdure fa benissimo, ma non è l’equivalente di una dieta sana, se non si introduce niente altro. Idem e ancor di più vale per la frutta, che introduce troppi zuccheri al quale il nostro organismo non riesce a far fronte.

Alimentazioni esclusive a base di questi cibi portano dritte alla rovina.

Abbiamo anche altri estremismi come la dieta paleolitica.

Eliminare cereali e legumi, mangiando solo proteine, magari dando la prevalenza alla carne, porta a insufficiente capacità di ripristinare il glicogeno muscolare.

I muscoli non crescono e si auto cannibalizzano per produrre energia, cosa che accade quando il muscolo non riceve il nutrimento corretto. Sino ad arrivare a danneggiare gli organi interni. Eppure nel primo periodo si sta così bene: si dimagrisce e ci si sente dei leoni.

Le nostre esigenze odierne sono molto diverse da  quelle di un cavernicolo, ecco perché non abbiamo bisogno né di un eccesso di zuccheri, né di un eccesso proteico, ma di un giusto equilibrio, capace di far funzionare al meglio i nostri organi, nel lungo periodo che la vita ci concede di esser ospiti di questo meraviglioso pianeta.

Se poi confondiamo gli aspetti nutrizionali con quelli etici, teorie economiche con ideologie e si ignorano i dati scientifici, bè possiamo iniziare a sceglierci i fiori per il funerale, perché ci stiamo scavando la fossa, letteralmente, con i denti.

Ciascuna di queste tribù, per non dire sette, come tutti gli estremismi si chiude al dialogo e all’apprendimento.

In realtà le regole di un’alimentazione sana con fondamento scientifico sono poche e molto chiare. Chiarissime. Il resto è aria fritta e i risultati, nel tempo, sono verificabili, fatto salvo pochissime eccezioni.

La sostenibilità di un certo tipo di agricoltura o allevamento e lo sfruttamento delle risorse planetarie richiedono interventi ben oltre le galline felici o le piantine sul balcone. Ad esempio utilizzare pseudo cereali noti da tempo a vegetariani e vegani per l’alto contenuto proteico, può causare problemi alle popolazioni che se ne sono sempre cibate: se prendiamo ad esempio la quinoa, oggi diffusa ovunque, ha raggiunto un prezzo inaccessibile per gli autoctoni. E’ francamente ridicolo che proprio chi si dovrebbe mostrare sensibile ai problemi legati al cibo, a livello etico e planetario, sia la causa dei problemi causati ad altri esseri  umani. Secondo il Guardian non sanno più cosa mangiare.

Trovo assurdo che certe categorie di persone, per come si alimentano, si sentano superiori e pensino di poter imporre per questo la propria teoria, la quale porterà all’unico risultato di farsi del gran male in prima persona.

Nella mia esperienza professionale di esperta del metodo Kousmine gli errori trasversali più diffusi che posso sottolineare sono i seguenti.

Insufficiente apporto di vegetali

Verdure, frutta, bacche, legumi sono la base della nostra alimentazione. E’ sbagliato non assumerne in grandi quantità e/o sostituirli con alimenti come prodotti da forno, dolci, bibite e derivati del latte.

Gli alimenti vegetali apportano molte vitamine, antiossidanti e una quantità varia e abbondante di fitochimici, ossia molecole che letteralmente ci guariscono. Senza verdure, frutta e legumi si impoverisce molto la flora batterica, fondamentale per la salute del tratto intestinale ma anche dell’intero organismo: la gran parte del sistema immunitario si trova infatti nell’intestino. I vegetali sono anche un ottimo sistema per tamponare l’acidosi tissutale che tende a derivare dal consumo di cereali e proteine animali.  Verdura e frutta di stagione dovrebbero essere la principale fonte di carboidrati della dieta, in particolare la verdura dovrebbe superare il mezzo kg al dì, fra cruda (prevalente) e cotta (contorno).  Ovviamente è meglio scegliere le versioni biologiche per ridurre al minimo le sostanze chimiche usate nelle coltivazioni e aumentare i nutrienti, come anche evidenziato in un bellissimo libro, da un  oncologo francese.

Il biologico fa la differenza, eccome se la fa.

Eccessivo apporto di zuccheri e cereali raffinati.

Prima che l’uomo diventasse un agricoltore allevatore, cioè 10.000 anni fa circa, la sua alimentazione era basata sulla caccia, pesca e sul raccolto di poche bacche vegetali e radici commestibili che la natura offriva. Non esistevano frutteti da cui attingere frutta a volontà, né campi di grano da saccheggiare o farine da trasformare in pane, pasta, focacce e torte.

Si è così iniziato a consumare cereali in quantità, grazie al progresso agricolo e derivati del latte. Oggi giorno questi alimenti hanno modificato la nostra alimentazione a tal punto da evidenziare come gli scheletri dei nostri antenati agricoltori appaiano deboli e malati rispetto ai cacciatori; in Egitto si rilevano anche le carie dentali e cancro.

La sommatoria di cereali raffinati e zuccheri porta a un continuo innalzamento della glicemia, che costringe il pancreas a un super lavoro e una produzione eccessiva di insulina, con squilibri grandissimi a carico di tutto l’organismo, come già esposto in altri pezzi.

Sì, anche certe proteine innalzano l’insulina: infatti il punto è trovare un equilibrio.

Molti vegetali crudi che precedono il pasto, vegetali cotti che lo accompagnano, consentono di mangiare dosi moderate di cereali integrali e proteine, sia animali che vegetali, senza problemi e con molti benefici.

Apporto sbilanciato di proteine

Sulle proteine oggi se ne sentono di tutti i colori.

Limitiamoci ad asserire che siamo fatti praticamente di proteine e che un apporto inadeguato di questi nutrienti porta dritti al camposanto, passando per un’atroce via crucis.

Non tutte le proteine sono uguali. Insaccati o salumi non vanno bene; sgombro al vapore o merluzzo lesso, con insalata di stagione, va decisamente molto meglio. Tutti i prodotti animali lavorati vanno  eliminati e le proteine animali che si assumono devono essere di alta qualità, possibilmente da allevamenti biologici. La carne rossa va cotta il meno possibile e non bisogna superare i 400 grammi la settimana.

Le proteine del pesce son sane e si devono aumentare: dare la preferenza a pesci di piccola taglia non allevati, ma pescati.

Le proteine dei legumi sono utili, ma sono molto ricche di amido.  Consumarli in un pasto al giorno è una quantità considerata salubre, che il metodo Kousmine consiglia.

Le uova sono un cibo perfetto per l’uomo. Questo è il motivo per cui l’uovo, opportunamente utilizzato, non crea mai difficoltà a nessun organo vitale, tanto che si può impiegare anche in presenza di patologie renali, epatiche anche gravi come steatosi e cirrosi, ipercolesterolemie e iper trigliceridemie et…….tumori! Si dimentica che l’uovo è una cellula gigante, nella quale l’albume corrisponde al citoplasma. In patologie caratterizzate da una crescita tumultuosa e incontrollata di cellule, potrebbe sembrare che l’uovo sia controproducente. In realtà la biologia e la fisiopatologia del cancro dimostrano, senza eccezioni, che la cellula è caratterizzata da una falsa vitalità. La duplicazione e l’aumento numerico non sono orientati nella direzione di una struttura organica funzionante, inserita armonicamente in un contesto generale, ma sono disordinati quanto più il tumore è maligno. Se non arrestata nella sua crescita la cellula tumorale sembra avere come unica direzione solo la morte: della massa tumorale stessa (per necrosi o degenerazione) o dell’organismo intero. Anche l’uovo è una cellula, ma il suo messaggio è armonico, programmato dalla natura per il sostegno e la continuità della vita, in direzione opposta al finalismo suicida del cancro. Il suo stimolo vitale agirà in senso positivo sulle residue energie dell’organismo malato, aiutandolo a fronteggiare la terribile malattia da cui è affetto. Per sfruttare al massimo questa capacità “informativa” è preferibile mangiare uova genuine e possibilmente fecondate, in modo da avere un messaggio preciso per lo sviluppo di cellule differenziate, ordinate e controllate nella loro velocità di crescita: il contrario di quanto avviene nel cancro. Oltre a ciò l’uovo è utile nelle patologie oncologiche per il suo potere nutrizionale quantativo: ricchezza di micro e macro nutrienti, indispensabili in pazienti il cui organismo è stressato dalla lotta alla malattia e spesso dai gravi effetti collaterali delle terrificanti terapie allopatiche per il cancro.
Il contenuto dell’albume è insostituibile nei casi di diminuzione dell’albumina plasmatica (sintomo di cancro), il ferro migliora l’emoglobina ridotta da farmaci chemioterapici, la colesterina riporta a valori normali il colesterolo che si riduce nei malati e da cui dipende la maggior parte degli ormoni, le sostanze implicate nella difesa immunitaria e tutti i processi riparativi della integrità cellulare compromessa. Infine l’uovo non mette in difficoltà i processi emuntoriali, soprattutto fegato e reni (in genere compromessi da malattia o da cure).  Alla coque, in camicia e al piatto è l’ideale. Chi asserisce che le uova sono veleno è anni luce dalla realtà scientifica e gridando al lupo quando non serve si fanno solo passi indietro. La d.ssa Kousmine prescriveva, nelle anemie, 2 tuorli crudi d’uovo mescolati al cibo che in 6 settimane portano il ferro da 46 mcg a 140 mcg.

Nessun farmaco riesce a fare altrimenti, senza effetti collaterali.

Apporto sbilanciato di acidi grassi

A lungo i grassi sono stati considerati i responsabili delle malattie cardiocircolatorie e il suggerimento tipico dato ai malati era di ridurre i grassi, cosa che spesso portava la persona a cercare nutrimento negli zuccheri. I grassi pericolosi son quelli inventati dall’uomo, cioè gli idrogenati, per anni aggiunti agli alimenti.

I grassi dell’olio d’oliva, dell’avocado e gli omega 3 non sono affatto dannosi, hanno molte proprietà benefiche e sono necessari all’organismo.  Perfino i grassi saturi non danno nessun problema nell’ambito di un’alimentazione corretta, ma solo se abbinati ai famigerati zuccheri. In pratica una fetta di pane integrale con burro e salmone è sana, pane bianco con burro (o senza) e marmellata, al contrario, è molto meno salubre.

Troppe sostanze chimiche

Ogni alimento comporta purtroppo il rischio di assunzione di sostanze indesiderate e dannose. Enormi quantità di sostanze sono usate sia nella produzione che nella conservazione degli alimenti, oltre a quelli disperse nei corsi di acqua e nell’aria.

Ogni alimento rischia di essere fortemente inquinato. Scegliamo BIO ogni volta che possiamo. Vegetali coltivati e animali allevati secondo questi criteri offrono maggiori garanzie rispetto all’agricoltura e all’allevamento convenzionali.

Se assumiamo grandi quantità di nutrienti benefici riusciremo meglio a gestire il carico tossico.

Consumo ridotto di spezie

Le spezie sono sparite dalle nostre tavole, anche perché son sempre di meno le persone che cucinano. Ci si limita a consumare pasti fuori casa e a improvvisare i pasti in casa. Le spezie sono portentosi regolatori delle funzioni cellulari capaci di ridurre l’infiammazione, di stabilizzare la glicemia, di proteggere le cellule dai danni ossidativi e di ridurre il rischio tumori e altre malattie. Arricchiamo di nuovo i nostri piatti con esse!

Concludendo: consigliamo un piatto unico composto da una grande quantità di verdure crude, per ben oltre la metà, un 25% di cereali integrali in chicco, o altri carboidrati sani come le patate dolci, un 25% di proteine sane, come il pesce. Oppure i legumi. Condimento: olio extra vergine di oliva di ottima qualità e sale integrale (indispensabile! Non è vero che il sale non serve, serve davvero molto, ma della giusta qualità).

Riduciamo l’apporto di glutine: il glutine ha un elevato potenziale infiammatorio anche in soggetti non celiaci. E’ meglio far ruotare i cereali gluten free e limitare il glutine. Riso, mais, miglio, quinoa, sorgo, teff, grano saraceno, amaranto sono di gran lunga preferibili al frumento e ai suoi derivati antichi.

Utilizziamo integratori alimentari mirati: è molto complesso se non addirittura impossibile adottare una nutrizione adeguata alle nostre esigenze senza far uso di integrazione ad hoc, consigliata da un esperto.

FRUMENTO AMICO O NEMICO? E GLI ALTRI ZUCCHERI?
Approfondimenti scientifici

FRUMENTO AMICO O NEMICO? E GLI ALTRI ZUCCHERI?

Il vino e certi formaggi invecchiando migliorano.
Non si può dire così per l’essere umano.
O meglio potremmo anche migliorare, se sappiamo cosa ci nuoce molto e lo evitiamo.
Un termine ancora poco noto, ma di cui sentiremo presto e sovente parlare è AGE.
Significa Advanced Glycation End-products, sono cioè sostanze che hanno l’effetto di irrigidire le arterie (provocando l’arteriosclerosi), annebbiare la vista (cataratta) e confondere le connessioni neuronali del cervello (demenza). Più invecchiamo e più è facile trovare AGE negli occhi, reni, fegato, nella pelle e in ogni altro organo. Sono detriti senza alcuna utilità, il cui accumulo provoca un deterioramento dei tessuti del corpo. Non svolgono alcuna funzione: non si possono bruciare per produrre energia, non hanno funzioni lubrificanti né di trasmissione, non favoriscono l’azione degli enzimi o degli ormoni né possiamo utilizzarli per scaldarci in una fredda notte nevosa.

Gli AGE producono gli effetti visibili dell’invecchiamento, ma anche una perdita della funzionalità renale, (ovvero della capacità di filtrare il sangue per toglierne i rifiuti e trattenere le proteine), un accumulo di placche arteriosclerotiche che ostruiscono e irrigidiscono le arterie, un irrigidimento e un deterioramento delle cartilagini e delle articolazioni (soprattutto del ginocchio e dell’anca) e la perdita di funzioni cerebrali nel momento in cui grumi di detriti AGE ostacolano l’attività dei neuroni.

Come i pezzetti di sughero rimasti in un Cabernet d’annata possono rovinarvi una bella festa, così gli AGE possono rovinarvi la salute.

Anzi molto di più.

Alcuni AGE vengono introdotti nell’organismo tramite l’alimentazione e poi vedremo quali, ma ce ne sono altri che sono prodotti dagli alti effetti collaterali di glucosio nel sangue. Quando assumiamo cibi che aumentano la glicemia, la maggior quantità di zuccheri nei tessuti fa si che il glucosio reagisca con proteine di ogni tipo, formando molecole combinate di glucosio e proteine (glicoproteine).

Gli AGE sono indissolubili e indistruttibili, si uniscono in catene formando polimeri particolarmente nocivi. Gli AGE si accumulano nel punto in cui si formano e creano grumi di detriti inutili che non possono essere rimossi tramite alcun processo digestivo o di eliminazione dei rifiuti.
Gli AGE sono il prodotto finale di un effetto domino innescato ogni volta che si alza la glicemia.
Dovunque vada il glucosio (e il glucosio penetra in ogni anfratto dell’organismo), là si creerano AGE.
Maggiore è la quantità di glucosio nel sangue e più AGE si accumuleranno, con l’effetto di accelerare i processi di invecchiamento. I diabetici hanno il 60% in più di AGE rispetto ai non diabetici, con tutti i problemi che questo comporta (hanno una probabilità 4 volte superiore alla media di soffrire di problemi coronarici e attacchi cardiaci, maggiore probabilità di sviluppare un’arteriosclerosi carotidea o altri tipi di arteriosclerosi, insufficienze renali in media 10 anni dopo la prima diagnosi, neuropatie, demenze, tumori –soprattutto pancreas, seno, polmoni, colon e prostata-, disfunzioni erettili maschili, danni oculari).
Alti livelli di AGE nel sangue amplificano le manifestazioni dello stress ossidativo e dei marcatori infiammatori.

I recettori degli AGE svolgono il ruolo di guardiani rispetto alle risposte ossidative e infiammatorie, come le citochine, il fattore di crescita dell’endotelio vascolare e il fattore di necrosi tumorale.
Limitando la glicazione e l’accumulo di AGE è quindi possibile limitare tutti gli effetti nocivi qui esposti.
Ecco l’importanza di un regime salubre come il metodo Kousmine, che predilige con accuratezza l’equilibrio dei nutrienti ad OGNI pasto.
Altre metodiche, che favoriscono l’uso di carboidrati a scapito delle proteine, non fanno altro che aumentare in modo esponenziale l’aumento degli AGE nel sangue.
Gli AGE si formano anche quando i livelli glicemici sono nella norma, ma con un ritmo molto inferiore.
Più alta è la concentrazione di glucosio nel sangue e più AGE si formano.

ice

Non esiste alcun livello di glicemia capace di interrompere completamente la formazione degli AGE. Basta un pochino di zucchero aggiuntivo nel sangue, appena pochi milligrammi più del normale (90 mg/dL) et voilà, gli AGE si mettono a fare il loro sporco lavoro e attaccano i vostri organi.
Mentre le uova non incrementano il tasso di zuccheri nel sangue, né le noci, l’olio di oliva, il salmone e molte altre proteine, TUTTI I CARBOIDRATI LO FANNO –tutti ,dalle mele alle arance, dalle caramelle gommose ai mix di cereali per la colazione, soprattutto i cereali soffiati.
Dal punto di vista glicemico i prodotti a base di frumento sono peggiori quasi di ogni altro alimento, avendo la capacità di far impennare il livello di zuccheri al punto da poter competere con i livelli tipici di un diabetico, anche se non avete il diabete.
L’amilopectina del frumento differisce da tutte le altre contenute in qualsiasi altro carboidrato perché viene digerita più facilmente e più rapidamente dall’enzima amilasi, il che spiega perché il frumento fa aumentare così rapidamente la glicemia. Nelle due ore successive all’ingestione si ha la massima formazione di AGE. Se ci fosse una gara a chi produce più AGE il frumento non avrebbe rivali, batterebbe qualsiasi altra fonte di carboidrati, incluse patate dolci, gelato e barrette di cioccolato.
In sostanza grazie al suo potere di innalzare la produzione di AGE il frumento accelera il ritmo di sviluppo di tutti i processi degenerativi, dalle macchie sulla pelle, a disfunzioni renali, demenze, arteriosclerosi e artrite.

Chiaramente farine raffinate e loro derivati (pane, pasta e cereali), amidi (riso, patate e mais) e carboidrati liquidi (bibite, birra e succo di frutta), innalzano velocemente il glucosio nel sangue. Consiglierei quindi di utilizzare con grande cautela le farine che compriamo e i prodotti da esse confezionati, mentre un utilizzo moderato e alternato del frumento, in assenza di gluten sensitivity o altre problematiche correlate, con grandi quantità di vegetali e ben abbinato alle proteine, può esser meno dannoso.

E che dire dei carboidrati contenuti negli ortaggi o nella frutta?

La fibra dei vegetali rallenta molto l’ascesa del glucosio nel torrente ematico. Inoltre, in rapporto al loro peso, le verdure contengono più acqua che amidi, il che   mitiga ulteriormente la risposta glicemica.

Anche quando mangiamo frutta ingoiamo zucchero, ma l’acqua e la fibra diluiranno l’effetto nel sangue.

Se mangiamo una pesca noce o una patata, a parità di peso, la patata essendo meno ricca di acqua, aumenterà più celermente il glucosio nel sangue.

Ovviamente ciò non significa che la pesca o qualunque altro frutto non causeranno problemi.

I nostri antenati mangiavano frutta? Certo. Ma non certo tutti i giorni dell’anno o nella quantità che noi consumiamo abitualmente ogni giorno.

Non siamo ancora evoluti al punto di riuscire a far fronte alla quantità di fruttosio che consumiamo come se fosse acqua fresca e sappiamo bene che i tempi dell’evoluzione sono millenari, non certo qualche centinaio di anni.

Una mela ha circa 45 calorie da zucchero, in una miscela ricca di fibre, per cui è un ottimo spuntino.

Una coca cola o un’altra bibita, ne hanno il doppio, circa 90 calorie da zuccheri.

E’ evidente che non possono avere lo stesso significato nutrizionale.

Però, se estraiamo il succo dalla quantità di mele sufficiente a riprodurre la stessa quantità della bibita, bè, abbiamo addirittura qualche grammo di zucchero in più che quello della nostra bibita carogna.

Quando quel fruttosio arriva al fegato, succede un patatrac!

Anche se il fruttosio non ha effetti immediati sulla glicemia e sull’insulina, nel corso del tempo, magari alcuni anni, inizierà a dare problemi di insulino resistenza.

Bè, l’importante è saperlo, poi ciascuno farà le scelte alimentari che ritiene consone.

Verificate però i valori dell’emoglobina glicata un paio di volte l’anno, se consumate molta frutta e/o molte centrifugate. Ovviamente se consumate cereali in abbondanza, senza bilanciare in maniera adeguata con delle proteine, ancor di più. Il persistere di livelli glicemici elevati ha una connessione diretta con il morbo di Alzheimer e col declino cognitivo, soprattutto a causa degli AGE, che deformano le proteine, esattamente con modalità similare a quelle del morbo della mucca pazza. Le proteine deformate dagli AGE non possono essere riparate, quindi sarebbe opportuno ridurre al massimo le proteine canaglia mettendo in atto comportamenti che limitino la produzione di AGE, come appunto i picchi glicemici. Le proteine ribelli hanno infatti un ruolo in tutte le malattie, ma soprattutto nella degenerazione neurologica.
Ci sono anche AGE esogeni, che introduciamo già belle che formati col cibo.
I cibi sono molti e tutti contengono quantità molto variabili di AGE, i più ricchi sono quelli di origine animale, come carne e formaggio.

Gli AGE si trovano in carni ricche di grassi saturi: bacon, salsicce, salame, wurstel. In particolari portati ad alte temperature (grigliati o fritti) aumentano il loro contenuto di AGE più di mille volte. Inoltre il contenuto di AGE aumenta proporzionalmente al tempo di cottura del prodotto.
Preferite l’acqua per cuocere, all’olio, dato che i liquidi aiutano a ridurre l’esposizione agli AGE.
Consigliamo vivamente un regime alimentare equilibrato e ricco di nutrienti ANTI AGE come il metodo Kousmine, per recuperare la salute perduta e preservare quella futura!!

E’ facile riconoscere gli AGE  in azione: avete presente quelle persone piuttosto rugose, con la tendenza a incurvarsi, alterazioni della pigmentazione cutanea e perdita di radiosità, sebbene non siano particolarmente agée?

Tutti noi ne conosciamo qualcuna  e non vorremo certo assomigliarle, potendo. Io no di sicuro. E voi?

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.